lunedì 4 giugno 2012

Cucina regionale laziale: Le rosette romane


Eccoci di nuovo al nostro appuntamento settimanale. Ho latitato questa settimana. Gli impegni mi hanno tenuto lontana dal mio adorato blog. Ma sapete quanto io ami questa rubrica e non potevo certo mancare. 
Il pane è il tema di oggi e queste sono le ricette che vi invito a sbirciare perché come sempre non rimarrete delusi. E' un viaggio affascinante che spero si arricchisca ogni settimana sempre di più, anche con ricette di quelle regioni che ancora non sono salite su questo carrozzone:


CALABRIA: U pani duru di Rosa ed Io (http://rosaantonino.blogspot.it/ )
CAMPANIA: Pane cafone di Le Ricette di Tina (http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina/ )
SICILIA: Polpette di pane di Cucina che ti Passa (http://www.cucinachetipassa.info/)
TOSCANA:  Pappa al pomodoro di Non Solo Piccante (http://www.nonsolopiccante.it/)
LOMBARDIA: La michetta  di L’Angolo Cottura di Babi (www.langolocottura.it)
VENETO:   La ciopa  di Semplicemente Buono (www.semplicebuono.blogspot.com/)
FRIULI VENEZIA GIULIA: Biga servolana di Nuvole di Farina (http://nuvoledifarina.blogspot.com/ )
PIEMONTE: Grissini Torinesi Stirati  di La Casa di Artù (http://lacasadi-artu.blogspot.com/)
EMILIA ROMAGNA: La coppia ferrarese di Zibaldone Culinario (http://zibaldoneculinario.blogspot.com/)
TRENTINO ALTO ADIGE:   Pam de molche e Treccia al grano saraceno di A Fiamma Dolce
( http://afiammadolce.blogspot.it/ )
PUGLIA: Le Pucce uliate  di Breakfast da Donaflor (http://breakfastdadonaflor.blogspot.it/)
LIGURIA: Pancheutto di Un’arbanella di Basilico  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
UMBRIA: Pan Nociato di Todi  di 2 Amiche in Cucina (http://amichecucina.blogspot.it/ )   
MARCHE: Pane casereccio  di La Creatività e i suoi Colori (http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it )
ABRUZZO: Pane di patate  di In Cucina da Eva http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/  

e poi ci sono io per il LAZIO con le mie prime...

ROSETTE ROMANE



Ed eccole qua. Potevano venire meglio. Ma essendo la mia prima volta... potevano venire anche peggio! Io mi contento, eccome se mi contento! Anche perché il sapore è buonissimo! Croccanti, fragranti ... e che profumo per la casa!!
Le rosette romane sono un tipico pane nostrano. Sono vuote all'interno (e così dovevano venire...), anche se a me questa volta sono venute parzialmente vuote. La prossima volta aggiusterò meglio il tiro! Le rosette a Roma sono molto amate farcite con la mortadella (da noi si dice "colla mortazza"), ma secondo i miei gusti sono ancor più buone farcite in altra maniera... e poi vedremo come.
Ho cercato la ricetta su internet. E mi sono fermata su una postata su Cookaround. 
Questi sono gli ingredienti:


Per la biga:
500 gr di farina manitoba 00
225 gr di acqua minerale naturale
5 gr di lievito di birra fresco.

Ho sciolto il lievito di birra fresco nell'acqua e poi ho aggiunto la farina: ho fatto parzialmente impastare con la mia impastatrice di fiducia (la macchina del pane). Poi siccome l'impasto è abbastanza duro, per evitare di bruciare il motore ho terminato a mano... fino a che è risultato abbastanza omogeneo anche se un po' granuloso.
Ho lasciato lievitare 24 ore coperto da pellicola e poi con un canovaccio nel forno spento.

Per l'impasto:
la biga
100 gr di farina manitoba 00
87 gr di acqua minerale naturale tiepida
9 gr di sale
3 gr di malto d'orzo
4 gr di lievito di birra fresco
6 gr di lecitina di soia

Ho aggiunto alla biga la farina, il malto e la lecitina disciolti nell'acqua tiepida (dove ho aggiunto anche il lievito,)  ho lavorato a mano e quando ha raggiunto una bella consistenza ho aggiunto il sale e ho lavorato più velocemente per far assorbire il sale. Ho impastato per circa 15 minuti. Ho fatto riposare l'impasto per 10 minuti circa prima di procedere con le piegature.
Anche in questo caso, non avendo macchinari e perché non avevo voglia di utilizzare la macchinetta per stendere la pasta, ho tirato la pasta con il mattarello, allungandola e poi piegandola a quattro in questa maniera:




Non è perfetto... ma insomma ... 
Ho coperto con la pellicola e poi con il canovaccio e ho lasciato riposare 10 minuti. 
Ho fatto lo stesso procedimento cinque volte...
Dopodiché ho formato una palla  che ho unto con olio extravergine di oliva e ho lasciato lievitare sempre coperta con la pellicola e il canovaccio per altri trenta minuti.


Dopo questo riposo ho infarinato la spianatoia e ho formato delle pezzature di circa 80 gr l'una (ne sono venute 9) e ho rimesso a lievitare, sempre coperte, per altri 40 minuti.
Passati i 40 minuti ho dato la forma alle rosette utilizzando un tagliamele (esiste anche lo stampo apposito, ma io non ce l'ho!)


Una volta data la forma bisogna lasciar lievitare altri 60 minuti capovolte rispetto alla forma.
Copriamo di nuovo con pellicola e canovaccio... e aspettiamo. Questo è l'ultimo passaggio prima di infornare!
Forno: il forno deve essere riscaldato alla massima temperatura. Poi ho cotto le rosette a 240° su una teglia calda rivestita di carta da forno nel piano basso del forno. Ci sono voluti circa 25 minuti. 
La loro cottura però ha bisogno di molto vapore per cui per i primi 5 minuti, ogni minuto, ho spruzzato l'acqua sulle pareti del forno con uno spruzzino (sia prima di infornare che durante i primi cinque minuti, mentre si gonfiano).

E poi ho sfornato e fatto raffreddare e farcito. Secondo voi, qual è il panino più buono del mondo?
Ma che domande!!! Ma è quello con la frittata, o no???


Mi permettete di partecipare con questo panino al contest di Giovanni del Blog "Peccato di gola", al suo contest Picnikiamo! ??


Però un antipastino prima ci voleva proprio... e io adoro la base della rosetta così... semplicemente con pomodorini, olio, sale, origano e basilico! 


E siccome gli ingredienti sono tutti rigorosamente bio ( i miei primi quattro pomodorini, il mio basilico, il mio origano... e il mio pane!!) con questo avrei voluto partecipare anche al contest di Artù che per sbaglio mi ero appuntata che scadeva il 26 giugno... Va beh, Artù è una postpartecipazione virtuale!!! Sarà per la prossima  (tanto i miei pomodorini sono maturati solo da ieri... non avrei fatto in tempo comunque!!)

Con l'augurio di trascorrere una splendida giornata, vi do appuntamento alla prossima settimana!


Una piccola nota, con dispiacere,  presa dall'ansa del 16 aprile scorso

(ANSA) - ROMA, 16 APR - Chiude i battenti la Romana Macinazione, uno dei primi mulini di Roma e 'culla' della rosetta. La crisi ha colpito anche questa azienda, uno dei primi mulini di Roma: andranno a casa i 39 lavoratori dello stabilimento di Via Flaminia per un anno gia' in cassaintegrazione.









































40 commenti:

  1. ancora non faccio colazione...mi è venuta una fame facendo il tour delle ricette! mamma mia! quella frittata su quella rosetta frescaaaaa buonoo ciao da In cucina da Eva

    RispondiElimina
  2. Sei stata bravissima
    ti sono venute davvero bene e sia ripieno di frittata e sia così ...semplicemente condito con il pomodoro ....cara Elena mmmmmmmm ti farei volentieri compagnia!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Un bacione e buona settimana ragazza!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. E come facevi a sapere che se mi avessi chiesto il mio panino preferito avrei risposto “con la frittata” ? Di tutti i tipi ma FRITTATA ^_^ E di quello col pomodoro ne vogliamo parlare? Magari belli rossi, succosi e appena raccolti come quelli che aspetto dalla mamma fra un paio di settimane. Giusto il tempo per mettere in cantiere le tue magnifiche rosette. Emmenomale erano le prime che sfornavi! Un bacione bellesssssssssssssa, buona settimana

    RispondiElimina
  4. hai ragione il panino con la frittata è uno dei miei preferiti, ma la rosetta appena sfornata, la riempirei anche con mortadella appena affettata, bacioni

    RispondiElimina
  5. Buongiorno cara Elly!! Ma stamattina vuoi farmi morire? Con quella bella rosetta con la frittata mi vuoi stendere a quest'ora! Non sono neanche le 10 e già vorrei mangiare quella meraviglia, magari anche per colazione...Cosa ci sarebbe di meglio? Conosco bene le nostre rosette e gira che ti rigira, anche se mi piace cambiare tipo di pane, non mancano mai a casa mia!! Ti sono venute benissimo e l' idea del tagliamela è stupenda!! Un bacione carissima e alla prossima...BUONA SETTIMANA!

    RispondiElimina
  6. Non so perchè .. ma quando ho letto il tema della cucina regionale di oggi..mis ei venuta in mente tu.. ed ho epnsato o alle rosetteo alle ciriole.. ahahahahah Che belle ti son venute!!!!!bravaaaa.. Aggiusta il tiro.. così quando saranno perfezionate.. te le copio1 però non ho lo stampo grrrr.. bacioni buon lunedì .-)

    RispondiElimina
  7. ciao Bella, mi sei mancata, mi ero un pò preoccupata ma poi stamani ho aperto il tuo blog e da dan!!!! adoro la rosetta è troppo buona!!! Buona settimana

    RispondiElimina
  8. Ciaoooo ci sei mancata! Adoro le tue "prime volte" in cucina, ti riescono sempre a meraviglia. Buona settimana.

    RispondiElimina
  9. Ma che spettacolari questi panini!!! davvero golosissimi, sia con la mortazza che con la frittata...sarei indecisa, ne mangerei due!!!

    RispondiElimina
  10. Eccole le rosette!! In questo caso Lombardia e Lazio sono in piena sintonia! Bellissime e splendida l'idea della base con i pomodorini, te la rubo sicuramente! Grazie Elly, un bacio e buona settimana, Babi

    RispondiElimina
  11. Per me con la "mortazza" grazie!!!
    Pensa che l'avevo appena commentato sulle michette di Babi, michetta o rosetta con la mortazza sono Super!!!
    Brava!!!

    RispondiElimina
  12. eccomi qui e mica mi potevo perdere queste rosette?! io la provo csia con la frittata che con i pomodorini:-) ma lo sai che mi sei mancata?! un bacione e buon lunedi!

    RispondiElimina
  13. Uhhhhhhhhhhhhh, le rosette!!!!!belleeeeeeee, i sono venute BELLISSIME!!!!^_^ anche io come Carla andrei di mortazza:-DDDDDDDD E molto bella anche quella con i pomodiriniiiiiii:-)))))UN BACIONE!!!

    RispondiElimina
  14. Bravissima hai riprodotto benissimo le nostre rosette, e quei ripieni sono da favola, anche se una bella fetta di mortazza ci sta sempre bene!!!Bacioni!!!

    RispondiElimina
  15. Provatelo appena sfornato (deve essere bollente) aperto a libretto e farcito con fettine sottilissime di lardo di Colonnata(va bè non pensiamo al colesterolo che sale una tantum si può fare), è una vera goduria.
    Ciao
    nick carter

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia!!!Ma si può guardare ste' cose a quest'ora?A me con la frittata va benissimo! Ciao, buona settimana!!

    RispondiElimina
  17. oo..you are making me hungry..lovely.

    RispondiElimina
  18. Adoro le rosette!!!! Immagino il profumo... e adesso ne mangerei un paio sia con la mortazza che con i pomodori dell'orticello!

    RispondiElimina
  19. BRAVA, BRAVA, BRAVA!!! più bello di quello che si compra al forno!!!

    RispondiElimina
  20. Ohhhh io amo il paneeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!! E anche tu con il taglia spicchi ma lo sapete che è una genialata????????????????? Che bontà la tua rosetta! Baci

    RispondiElimina
  21. Mi dispiace moltissimo per la chiusura della Romana macinzaizone, ma ancora di più tocca a noi tener vive le tradizioni e ricordare come e dove venivano prodotte una volte tutte le cose.
    Le tue rosette sono molto belle, io ho provato a farle sono una volta e anche a me non erano venuto un gran vuote dentro. Il mio modo preferito per gustarle? con la porchetta, in assoluto! e poi con la frittata di patate o con un classico estivo come mozzarella e pomodoro. Oggi me la sono gustata una con la mortadella, domani tocca alla porchetta però, che me la stavo sognando da mesi la NOSTRA porchetta. Un bacio

    RispondiElimina
  22. non sono stato capace di trovare quell'oggetto per fare la forma delle rosette, 'nnaggia!!!! complimenti davvero un'ottima riuscita!!! e grazie per aver partecipato al mio contest! posta qui il link: http://blog.giallozafferano.it/peccatodigola/picnikiamo-il-mio-contest-le-ricette/ bacione

    RispondiElimina
  23. è stata la mia colazione fin da bambina..i dolci non mi sono mai piaciuti,la rosetta col pomodoro è la mia passione.. sono perfette!

    RispondiElimina
  24. Ellyyyy....un lavoraccio queste rosette...ma che soddisfazione però...mamma mia che buone, e vado anch'io di mortazza...anzi no...vado anche di quella mezza rosetta supercondita di pomodori!
    insomma da mangiare con gli occhi le tue rosette!
    bacioniiii

    RispondiElimina
  25. Nick Carter la sa lunga...scrive e consiglia di mangiarli con il lardo affettato sottile...tu con la mortazza o col pomodoro basilico,origano ..slurp!! ma io dico ragazziiiiiiiiiiiii mi volete far morire..lanciate subito anche qua..
    PS:Mi spiace per la notizia che hai scritto..chissa' quando usciremo dalla crisi...
    bacioni

    RispondiElimina
  26. Ecco! le rosette le adoro, ma non ci ho mai provato a farle, mi sembrano difficilissime, però quella meza rosetta con i pomodori mi mette una voglia!!

    Complimenti ottima ricetta!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  27. Ciao, la tua rosetta sembra comunque molto bella. Anche noi ci aspettavamo un altro risultato finale per la nostra. Per la prima volta possiamo comunque dirci soddisfatte.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  28. li mangerei entrambi!!gnam che bontà tesoro!!bravissimaaa!buona settimana ciaoo

    RispondiElimina
  29. La rosetta....fantastica e anche l'arnese per farle mi piace ... condita con il pomodoro è sublime....l'assaggerei anche ora! bacioni!

    RispondiElimina
  30. Che bella ricetta! Viva le rosette! Buonissime davvero e anche ben presentate (come sempre!). Un abbraccio carissima.

    RispondiElimina
  31. Ciao Elly, ma dimmi una cosa stiamo facendo la gara per vedere chi delle due fa piangere di più l'altra? Spero davvero che prima o poi ci incontreremo per dare voce a tutto quello che abbiamo nel cuore. Ti abbraccio forte e ti mando un bel bacione

    RispondiElimina
  32. Ma sai che una volta le ho fatte ma non mi sono venute bene, forse occorreva più lievitazione, voglio provare con il tuo sistema, grazie cara!

    RispondiElimina
  33. Le rosette che buone!!!
    Ma permettimi di essere un po' invidiosa... i tuoi pomodorini sono già maturati!!!
    I miei manco si vedono...!

    RispondiElimina
  34. "Alla faccia del bicarbonato di sodio!!!" Puoi essere più che contenta....
    sono venute davvero belle.Il profumo lo immagino, ti avrà invaso la casa.
    Elly ,ma complimenti anche per la descrizone dettagliata....e vogliamo parlare della farcia? una goduria con la frittata .Insomma anche tu coi lievitati non scherzi!!!!!!!!
    Amica mia cara ti abbraccio e ti auguro buona giornata.
    PS: mi dispiace per i dipendenti del panificio di Roma che hanno perso il lavoro ,
    ma immagino il dolore dei proprietari di questo panificio ,è molto difficile portare avanti unì'attività e poi questa "maledetta crisi" ti costringe a chiudere i battenti!

    RispondiElimina
  35. Ehi, lo sapete che con queste rosette si andava al mare con i genitori da piccole, erano i panini più ambiti, oltre alla terza combinazione rosetta e una buona mozzarella fresca!
    Provare per credere!! Anche oggi ho fatto il mio spuntino virtuale!! Grazie, grazie!! baci!!

    Ombra

    RispondiElimina
  36. Bravaaaaaaaaaaaaaaa Ely e pure con il buco ti son riuscite!! io è da un pò che provo ma sempre piene mi vengono!!!non parliamo della farcia da svenimento!!!!baciiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  37. Nonostante sia ormai tarda notte, queste rosette mi hanno fatto venire una fame!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  38. Ti son venute benissimo,mi hai fatto venire una voglia!! Complimenti x i tuoi post sempre molto chiari ! Ciao.

    RispondiElimina
  39. Bella l'idea di inciderle con un taglia mele. Buono il panino con il pomodoro

    RispondiElimina
  40. Cara Elena finalmente ce l'ho fatta a passare!! scusa il ritardo!!
    sei stata bravissima, sto sbavando in pratica!
    un bacione

    RispondiElimina

Leggo sempre volentieri i vostri commenti... lascialo anche tu!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...